La lezione di Covid-19 sul clima

Clima e salute viaggiano in tandem. I cambiamenti climatici, la sovrappopolazione, l’impatto sugli habitat e il commercio di specie selvatiche sono importanti cause dell’aumento nell’insorgenza di epidemie. Spiegando l’origine dell’epidemia di Covid-19, analizziamo qui il più generale legame tra epidemie, cambiamento climatico e biodiversità.
Simona Re, 07 Marzo 2020
Micron
Micron
Giornalista scientifica

Cos’ha a che fare un’epidemia con il clima? I virus causano il cambiamento climatico? No, e falso è il contrario. Forse. Come ben afferma su Agi Giovanni Maga, direttore dell’Istituto di Genetica molecolare del CNR-IGM di Pavia, per spiegare la maggior frequenza delle epidemie negli ultimi decenni «I fattori coinvolti sono molteplici: cambiamenti climatici che modificano l’habitat dei vettori animali di questi virus, l’intrusione umana in un numero di ecosistemi vergini sempre maggiore, la sovrappopolazione, la frequenza e rapidità di spostamenti delle persone». Mettiamo allora a confronto tre grandi attori: le epidemie, i cambiamenti climatici e la biodiversità.

COME NASCE UN’EPIDEMIA
L’epidemia è la rapida diffusione di una malattia in un territorio più o meno vasto. Nell’antichità le cause venivano attribuite all’azione divina, all’aria malsana e all’influenza degli astri. A sfatare questi miti fu la scoperta di batteri e virus patogeni in grado di provocare infezioni e di “spostarsi” da un individuo all’altro. Gli episodi degli ultimi anni come la diffusione di SARS, MERS e influenza aviaria ci insegnano ancora qualcosa di nuovo, mostrandoci che la sovrappopolazione e la crescente frequenza e rapidità dei nostri spostamenti sono fattori di rischio per lo scatenarsi di un’epidemia. A piccola scala, è lo stesso significato che ritroviamo nelle misure messe in atto dall’Italia per il contenimento della Covid-19. Pensiamo alla chiusura momentanea di scuole e università, e alla sospensione di manifestazioni ed eventi in alcune regioni per evitare l’affollamento. Sul ruolo degli spostamenti, in linea ancora con le cause, è negli aeroporti che si sono intensificati all’inizio gli sforzi dei controlli per contenere la diffusione del nuovo coronavirus nel Paese.

Per quanto riguarda l’origine della Covid-19, causata dal virus SARS-CoV-2, al momento il primo focolaio viene individuato in un mercato alimentare di Wuhan, nella provincia cinese di Hubei, in cui si vendevano animali d’allevamento e selvatici. Tra i possibili vettori si sono indicati i serpenti, poi i pipistrelli e a seguire i pangolini. A questo proposito, SARS-CoV-2 è solo il più recente dei casi di virus patogeni trasmessi da un animale selvatico. Lo stesso è avvenuto ad esempio per SARS, influenza aviaria, ebola e HIV, rispettivamente attraverso la civetta delle palme, i dromedari e i primati. A favorire lo spillover o “salto di specie”, e quindi il passaggio e l’adattamento nell’uomo, è stato questa volta lo stretto contatto con animali selvatici, vivi e morti, all’interno di un mercato cinese. La colpa è dunque degli animali? No. Tanto per cambiare, si fa per dire, la colpa è dell’uomo. Infatti, prelevare animali selvatici dal loro ambiente naturale e indurre artificialmente un’elevata concentrazione di individui di diverse specie esotiche in uno spazio limitato crea le condizioni ideali per la trasmissione di zoonosi. La genesi dell’epidemia è presto fatta, dal momento che lo spillover può risultare a volte in una certa aggressività del virus nella nuova specie ospite, manifestando anche un’elevata velocità di propagazione.

Ma questo esempio, purtroppo, è solo la punta dell’iceberg del genere di rischi per la salute che il nostro impatto sulla biodiversità può generare. Al prelievo e alla commercializzazione di animali selvatici, si aggiungono i rischi derivanti dalla modifica degli habitat e le imprevedibili conseguenze del contatto dell’uomo con ecosistemi vergini. Diversi studi dimostrano ad esempio che la deforestazione aumenta il rischio di esposizione ad agenti patogeni, come il virus Nipah, il virus Lassa, la malaria e la malattia di Lyme, amplificandone la diffusione. Come spiega in un’ANSA la virologa Ilaria Capua, direttrice del One Health Center of Excellence dell’Università della Florida, «Tre coronavirus in meno di 20 anni un forte campanello di allarme. Sono fenomeni legati anche a cambiamenti dell’ecosistema: se l’ambiente viene stravolto, il virus si trova di fronte a ospiti nuovi».

CLIMA E BIODIVERSITÀ SOTTO ATTACCO DELL’UOMO
Le cause del cambiamento climatico sono le eccessive emissioni antropiche di gas serra. Tra combustibili fossili, impianti di energia elettrica e riscaldamento, allevamenti, industria e trasporti, è facile intuire che l’impatto delle attività umane e gli effetti della sovrappopolazione, anche qui, la fanno da padrone. L’aumento sconsiderato nel consumo di risorse limitate, e l’insostenibilità dei sistemi di produzione, trasformazione e distribuzione di beni ed energia, concorrono oggi a causare una crisi climatica ed ecologica globale. Alla crescita delle emissioni di CO2 si somma poi l’alterata capacità di assorbimento dei suoi serbatoi naturali, come risultato della deforestazione, e dell’acidificazione e saturazione di mari e oceani. Entro la fine del secolo il cambiamento climatico potrebbe costituire una delle principali cause della perdita di biodiversità. La modifica degli habitat e l’alterazione del ciclo dei nutrienti, sia per mano diretta dell’uomo sia per effetto del riscaldamento globale, mettono già a dura prova i delicati equilibri dei nostri ecosistemi e la sicurezza delle nostre risorse. Sia attraverso il divieto di commercio e consumo di specie selvatiche – come da recenti provvedimenti in Cina per Covid-19 – che attraverso gli interventi diretti di tutela degli ecosistemi naturali, dalla difesa della biodiversità non possiamo esimerci. Proteggere gli ecosistemi terrestri e acquatici significa conservare la componente fondamentale della risposta al cambiamento climatico. Sia di mitigazione, per la rimozione della CO2 in atmosfera, sia di adattamento, come dimostrano ad esempio le specie vegetali che proteggono i territori dagli effetti di tempeste e inondazioni.

Le soluzioni individuali oggi più ‘gettonate’ per limitare le emissioni e proteggere l’ambiente sono la riduzione nell’uso della plastica, la messa al bando di quella monouso, e l’uso della borraccia. Ma non basta. Maggior impegno andrebbe dedicato ad esempio alle nostre abitudini di spostamento, limitando l’impiego dell’auto, prediligendo bicicletta e treno, e promuovendo lo smart working. Un importante contributo per limitare le emissioni viene anche dalla nostra dieta, e quindi dalla riduzione degli sprechi di cibo e del consumo di cibi industriali e carni. L’allevamento, ad esempio, contribuisce da solo ben al 14.5% delle attuali emissioni, e può generare notevoli impatti in termini di deforestazione. Ridurre le nostre emissioni e adottare uno stile di vita più sostenibile rappresentano un contributo splendido ed esatto per proteggere il clima, la biodiversità e la sua capacità di risposta al cambiamento climatico. Tuttavia, in assenza di una drastica trasformazione dei nostri sistemi produttivi e del tanto atteso taglio netto dei sussidi al fossile (Figura 1, Enerdata 2019), le azioni individuali in questa lotta, per quanto necessarie, non sono sufficienti.


The energy mix in G20 countries, 2018’, a pag. 27 / Brown to green report

CLIMA ED EPIDEMIE
Eccoci arrivati dunque alla domanda iniziale: cosa c’entrano le epidemie con il clima? C’entrano parecchio, perché condividono molte delle cause e delle soluzioni. La sovrappopolazione dell’uomo sulla Terra si associa al contempo a un’eccessiva produzione di CO2 e a un aumentato rischio dell’insorgenza di epidemie. Lo stesso vale per i danni inflitti alla biodiversità, con conseguenze nefaste per il clima (per la ridotta capacità dei sistemi naturali di immagazzinare il carbonio) e per la nostra salute (ad esempio incorrendo in pericolosi patogeni). D’altra parte, secondo il Millennium Ecosystem Assessment, verso la metà del secolo le dimensioni della popolazione mondiale andranno stabilizzandosi.

Clima e salute viaggiano in tandem. A evidenziarne il legame è il Lancet Countdown report 2019, che associa i cambiamenti climatici a un’aumentata diffusione delle patologie infettive. Prime fra tutte, febbre dengue, malaria e Vibrio cholerae. L’impatto del clima sulla salute è aggravato anche dalle minacce alla sicurezza alimentare (per siccità e minor resa delle colture), e dai pericoli derivanti da eventi meteorologici estremi (come le alluvioni), incendi, inquinamento atmosferico e ondate di calore. Notiamo anche che le attività antropiche che causano le emissioni possono esse stesse causare danni diretti alla nostra salute. Dai decessi prematuri per l’inquinamento atmosferico, all’aumentato rischio cardiovascolare e di morte prematura per consumo di carne rossa, salumi e insaccati. Un esempio dell’indebolimento della nostra specie ad opera del cambiamento climatico è dato dalla riduzione, già registrata, della capacità lavorativa a livello globale. Infine, il legame tra clima e salute funziona anche al contrario. A fronte della necessaria riduzione di emissioni dal settore sanitario (4.6%), queste risultano ancora in aumento a livello globale.

Lotta al cambiamento climatico ed epidemie hanno un costo. Vale per l’impatto di Covid-19 sull’economia cinese, che pur ha beneficiato in salute della drastica riduzione delle emissioni a seguito del rallentamento di industria e trasporti per effetto della quarantena. Vale per le misure di contrasto all’impatto economico del nuovo coronavirus in Italia, a oggi oggetto di studio di autorevoli economisti. In tema di costi e co-benefici ricordiamo che, come dimostrato dal Basque Centre for Climate Change su The Lancet nel 2018, il vantaggio economico dei benefici in salute derivanti da un’efficace lotta al cambiamento climatico ci consentirebbe di risparmiare migliaia di miliardi di dollari a livello globale.

COME PROTEGGERCI DA CAMBIAMENTI CLIMATICI ED EPIDEMIE
Le emissioni di gas serra e la presenza di virus, entro limiti “fisiologici”, sono entrambi fondamentali per preservare i complessi equilibri della nostra biosfera. Ma l’uomo rischia ora di tramutarsi in un virus che fa ammalare la sua stessa casa. Se non addirittura se stesso. L’aumento delle epidemie è solo uno degli effetti indiretti, eppur gravi, delle massicce emissioni e del nostro impatto sulla biodiversità. Il quadro si aggrava ulteriormente per effetto dei ritardi nell’adozione e implementazione di piani nazionali di adattamento per la salute e il cambiamento climatico. Nella fattispecie, e a titolo esemplificativo, trattasi di politiche efficaci difficilmente compatibili con un taglio di 37 miliardi di euro al settore sanitario negli ultimi 10 anni (Figura 2, Report Gimbe n. 07/19).

Fonte: Report Gimbe

Un circolo vizioso e complesso lega le epidemie ai cambiamenti climatici, ma molte soluzioni possono essere le stesse: fermare l’aumento delle emissioni, ridurre il nostro impatto sull’ambiente, e investire in trasformazione e adattamento, scommettendo sui co-benefici della lotta per il clima. A questo, aggiungere una buona informazione da parte dei mediamigliore di quella sulla Covid-19 – , la giusta sensibilizzazione da esperti e istituzioni, e un pizzico di sale. Sulle risorse per far fronte all’emergenza di Covid-19 in Italia, ammonta a circa 1 miliardo di euro quanto appena stanziato con specifico decreto per l’assunzione di nuovi medici e infermieri, e per aumentare le dotazioni di attrezzature. Se temiamo l’impatto del nuovo coronavirus sull’economia del Paese, laviamoci le mani e atteniamoci alle disposizioni di medici, Protezione Civile e istituzioni. Se vogliamo sconfiggere la paura delle epidemie, allora iniziamo a mangiare meno carne, ricicliamo i nostri abiti, usiamo meno l’auto, e chiediamo ai nostri politici di iniziare a parlare seriamente di mitigazione e adattamento. E laviamoci le mani. Ma ricordiamo. Non bastano le azioni individuali per contrastare il cambiamento climatico, senza un’efficace inversione di rotta di politici e aziende. Non basta un sistema sanitario “fiore all’occhiello”, se questo non dispone delle risorse necessarie per sopravvivere a un’emergenza. Che sia, ci auguriamo, occasione per tutti per ancora migliorare.

Figura 1: Fonti energetiche nei Paesi del G20, 2018. Fonte: Enerdata, 2019
Figura 2: Variazione percentuale della spesa pubblica 2009-2018 nei paesi OCSE. Fonte: Report Osservatorio GIMBE n.7/2019

Bibliografia
Battifoglia E (2020) In 16 anni 5 virus hanno imparato a colpire l’uomo. ANSA, 20 Gennaio 2020; www.ansa.it
Benelli E & Greco D (2020) Come vincere la sfida del nuovo coronavirus. Scienza in rete, 27 Febbraio 2020; www.scienzainrete.it
Climate Transparency (2019) Brown to Green: The G20 transition towards a net-zero emissions economy, Climate Transparency, Berlin, Germany
Dalton J (2020) Coronavirus: Space images reveal drastic fall in pollution over China as factories closed. The Independent, 2019 Mar 2
Iacucci A (2020) Spillover, il nuovo coronavirus come Sars, morbillo ed Ebola ha origine animale. Galileo, 22 Gennaio 2020; www.galileonet.it
Maga G (2020) Cosa ci dice l’improvvisa comparsa di un nuovo coronavirus. Agi, 18 Gennaio 2020; www.agi.it
Markandya A et al. (2018) Health co­benefits from air pollution and mitigation costs of the Paris Agreement: a modelling study. Lancet Planet Health 2, e126–33, doi.org/10.1016/S2542-5196(18)30029-9
McDonald AJ & Mordecai EA (2019) Amazon deforestation drives malaria transmission, and malaria burden reduces forest clearing. PNAS 116 (44), 22212-8, doi.org/10.1073/pnas.1905315116
Report Osservatorio GIMBE n. 7/2019. Il definanziamento 2010-2019 del Servizio Sanitario Nazionale. Fondazione GIMBE: Bologna, settembre 2019. Disponibile a: www.gimbe.org/definanziamento-SSN. Ultimo accesso 3 Marzo 2020
Ripple WJ (2019) World Scientists’ Warning of a Climate Emergency. BioScience 70, 1, 8–12, doi.org/10.1093/biosci/biz088
Watts N (2019) The 2019 report of The Lancet Countdown on health and climate change: ensuring that the health of a child born today is not defined by a changing climate. The Lancet 394, 10211, 1836-78, doi.org/10.1016/S0140-6736(19)32596-6
Zhong VW et al. (2020) Associations of Processed Meat, Unprocessed Red Meat, Poultry, or Fish Intake With Incident Cardiovascular Disease and All-Cause Mortality. JAMA Internal Medicine, 2020 Feb 3; DOI 10.1001/jamainternmed.2019.6969

Commenti dei lettori


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Stefano
    ottimo articolo! da condividere!
X