Terremoti: in arrivo la nuova mappa di pericolosità sismica

L’Aquila nel 2009, l’Emilia nel 2012, il Centro Italia nel 2016. E ora Ischia. In totale oltre 600 vittime, migliaia di feriti. Questo il catastrofico bilancio dei principali terremoti che hanno colpito l’Italia negli ultimi otto anni. Numeri che non lasciano dubbi: l’Italia è un paese in cui non viene fatto abbastanza in termini di prevenzione del rischio sismico. Eppure esistono strumenti che, se usati adeguatamente, consentirebbero di compiere un balzo in avanti nella gestione del territorio. La mappa nazionale di pericolosità sismica è uno di questi. Per cercare di fare chiarezza su questi e altri punti abbiamo intervistato Carlo Meletti, coordinatore del Centro di Pericolosità Sismica dell’INGV.
Simone Petralia, 24 Agosto 2017
Micron
Micron
Laurea in Filosofia e Master in Comunicazione della Scienza alla SISSA di Trieste, scrivo per varie testate come giornalista scientifico freelance. Per OggiScienza curo Ipazia, rubrica in cui racconto storie di scienziate del passato e del presente.

L’Aquila nel 2009, l’Emilia nel 2012, il Centro Italia nel 2016. E ora Ischia. In totale oltre 600 vittime, migliaia di feriti, decine di migliaia di sfollati e danni per circa 30 miliardi di euro. Questo il catastrofico bilancio dei principali terremoti che hanno colpito l’Italia negli ultimi otto anni. Numeri che non lasciano dubbi: l’Italia è un Paese in cui non viene fatto abbastanza in termini di prevenzione del rischio sismico. Eppure esistono strumenti che, se usati adeguatamente, consentirebbero di compiere un balzo in avanti nella gestione del territorio. La mappa nazionale di pericolosità sismica è uno di questi.
Un team di ricercatori dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia lavora da anni alla realizzazione di un aggiornamento della versione attuale, risalente al 2004. La nuova versione, che sarà pubblicata nella prima metà del 2018, rappresenta una vera e propria sfida dal punto di vista comunicativo. Sono in tanti, infatti, a interpretare in modo scorretto la mappa attuale o a fraintenderne il senso; non solo comuni cittadini, ma anche rappresentanti delle istituzioni e giornalisti.
Nella mappa di pericolosità l’Italia ha l’aspetto di un patchwork colorato, attraversato da fasce che vanno dal grigio al viola; le zone più chiare rappresentano le porzioni di territorio in cui le probabilità che si verifichi un forte terremoto sono più basse, mentre quelle dai colori più accesi – dal rosso al viola – indicano le zone in cui le probabilità di un evento sismico intenso sono più alte. Spesso si fa confusione fra rischio sismico e pericolosità o si fatica a comprendere il significato della suddivisione in fasce del territorio, ritenendo erroneamente che nelle aree rappresentate con colori più chiari non possano verificarsi terremoti molto forti.
Per cercare di fare chiarezza su questi e altri punti abbiamo contattato Carlo Meletti, coordinatore del Centro di Pericolosità Sismica dell’INGV, l’ente a cui è stato affidato il compito di aggiornare il modello di pericolosità sismica – e gli abbiamo posto alcune domande sulla mappa attuale e su quella in lavorazione.

Cos’è la mappa di pericolosità sismica e come va interpretata?
La mappa di pericolosità sismica è una valutazione di tipo probabilistico che descrive la possibilità che in una certa zona si verifichi un terremoto di forte intensità. Non in tempi brevi, ma in un arco temporale di 50 anni.
Le zone in cui la pericolosità è bassa e moderata, rappresentate coi colori chiari, non sono quelle in cui è impossibile che si verifichino terremoti di forte intensità, ma quelle in cui la probabilità di un evento sismico di quel tipo è più bassa rispetto ad altre zone. Il terremoto che ha colpito l’Emilia nel 2012, per esempio, ha riguardato zone rappresentate in azzurro e in verde. Questo non significa che il terremoto non fosse previsto dalla mappa, ma solo che le sue probabilità di verificarsi erano inferiori rispetto ad altre zone del nostro territorio. In altre parole, le zone azzurre o verdi possono essere colpite da terremoti forti esattamente come quelle rosse o viola, l’unica differenza è che succede meno frequentemente.

Quali sono le differenze fra rischio e pericolosità?
La pericolosità dipende dalle caratteristiche fisiche e geologiche di un territorio, mentre il rischio è dato da un insieme di fattorida aggiungere alla pericolosità, tra cui la densità abitativa e la vulnerabilità degli edifici. Grazie a questi elementi è possibile valutare gli effetti di un terremoto in termini di danni e numero di vittime. Al contrario della semplice pericolosità, il rischio può essere ridotto attraverso interventi mirati, primo fra tutti l’adeguamento degli edifici alle norme antisismiche. Inoltre, un’area a elevata pericolosità sismica può avere un rischio sismico molto basso, e viceversa. Per tornare all’esempio dell’Emilia, sappiamo che si tratta di una zona a rischio maggiore rispetto ad altre che hanno una pericolosità più elevata. Questo perché in quella regione la densità abitativa è elevata e ci sono molte piccole fabbriche il cui personale lavora all’interno di capannoni.

Qual è l’utilità pratica della mappa di pericolosità sismica?
Nel 2006 la mappa è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale ed è divenuta lo strumento principale per la riclassificazione sismica dei comuni. A ogni comune, infatti, è assegnata una determinata zona sismica, in base al livello di pericolosità del territorio. Il territorio è suddiviso in quattro zone: la zona 1 è la più pericolosa, la zona 4 quella con la pericolosità più bassa. Dal 2006 le regioni possono riclassificare il proprio territorio utilizzando le indicazioni fornite dalla mappa. Sono le amministrazioni regionali, infatti, a decidere autonomamente gli interventi di prevenzione e riduzione del rischio sismico da attuare all’interno dei propri territori. E dal 2009, dopo il terremoto dell’Aquila, la mappa è diventata un elemento della normativa per le costruzioni; questo significa che chi deve costruire nuovi edifici o effettuare interventi importanti sull’esistente, lo fa basandosi sulla mappa. In questi anni, però, non tutte le regioni hanno riclassificato il loro territorio. Il comune dell’Aquila, per esempio, è ancora in zona 2.

Quali sono i problemi principali a livello comunicativo?
Stiamo cercando di far passare il messaggio che la mappa di pericolosità sismica serve prima del terremoto. È uno strumento che dà indicazioni su quello che è necessario fare per prevenire i danni, non quando i danni sono già stati prodotti. In un certo senso, la mappa può essere paragonata a una previsione meteorologica: il terremoto è atteso in una certa zona in un determinato periodo. Ovviamente non serve per dare l’allerta, visto che si parla di tempi lunghi, ma il messaggio è chiaro: in 50 anni è possibile che in una determinata zona si verifichi un terremoto di una certa entità, quindi ci sarebbe tutto il tempo per intervenire. Governo e regioni dovrebbero agire in questo senso. I comuni, dal canto loro, potrebbero lavorare sull’informazione, realizzare e aggiornare i propri piani di protezione civile, informare adeguatamente la popolazione. Eppure spesso il meccanismo si inceppa, qualcosa non funziona.

Perché non esiste una mappa nazionale del rischio sismico, da affiancare a quella di pericolosità?
Non si tratta di una mappa semplice da realizzare, considerati i molti parametri in gioco nella definizione di rischio. Quel che è certo è che se fosse pubblicata una mappa del genere, la differenza tra pericolosità e rischio salterebbe all’occhio e si eviterebbero molti fraintendimenti. C’è poi un altro problema: l’abusivismo edilizio. È impossibile da quantificare, quindi non potrà mai entrare in nessuna mappa. Quando si valuta il rischio, la vulnerabilità degli edifici viene calcolata utilizzando i dati ISTAT. Non conoscendo età e tipologie costruttive di ogni singola struttura, ci si basa sulle informazioni fornite durante i censimenti per fare stime grossolane di vulnerabilità. I dati sono molto approssimativi e ovviamente non includono l’abusivismo, che non è censito. Inoltre, quando un edificio abusivo viene condonato diventa a tutti gli effetti legale. Nessuno saprà mai se è stato costruito seguendo determinati canoni di sicurezza sismica o meno.

In altre nazioni la mappa di pericolosità viene aggiornata molto frequentemente, come mai in Italia usiamo ancora quella del 2004?
In Italia c’è sempre stato un ritardo tra la produzione di un dato scientifico e il suo recepimento da parte della legge. Le nuove norme basate sulla mappa sono diventate obbligatorie solo a partire dal 2009. Essendo cambiate molto rispetto a quelle precedenti, la comunità degli ingegneri e dei progettisti aveva bisogno che le bocce stessero ferme per un po’.

Qual è il percorso che state seguendo per la realizzazione della nuova mappa?
All’inizio del 2015 abbiamo messo in cantiere il progetto per aggiornare il modello di pericolosità. L’iniziativa è partita dall’INGV, in particolare dal Centro di Pericolosità Sismica, finanziato dalla Protezione Civile per portare avanti questa attività. Abbiamo lanciato una call a tutta la comunità nazionale di geologi, sismologi e geofisici, ricevendo 24 proposte da parte di 150 ricercatori. Non è poco. Ora stiamo cercando di mettere tutto insieme in un progetto organico. Il programma di lavoro è molto ambizioso e vuole esplorare tutte le possibili strade per determinare la pericolosità sismica. Si tratta di confrontare tra loro diversi approcci metodologici. Per fare un esempio, un modello che si basa sul catalogo storico dei terremoti dà maggiore importanza a caratteristiche della sismicità diverse rispetto a un modello basato sulle singole faglie sismogenetiche. Il primo è costruito usando i dati dei terremoti verificatisi negli ultimi 1000 anni, il secondo considera solo i terremoti più forti – di magnitudo superiore a 5.5 –  ma per un periodo di tempo più lungo.

Quando sarà pubblicata la nuova mappa?
C’è la necessità di bilanciare correttamente i diversi approcci in un modello coerente e robusto. Per far questo è in corso una intensa e costruttiva interazione con la Commissione Grandi Rischi del Dipartimento della Protezione Civile al fine di documentare tutta la procedura. Sempre per migliorare la coerenza del modello che si sta costruendo, abbiamo coinvolto esperti internazionali che non partecipano al progetto ma lo valutano nei suoi vari aspetti, dando indicazioni su come combinare i diversi approcci. Stimiamo di poter chiudere entro la prima metà del 2018. Va considerato che l’importanza del risultato che ci siamo prefissi è tale da non poter invalidarne l’esito per rispettare la scadenza prevista; in fin dei conti oggi abbiamo già un modello che funziona e sarà molto importante analizzare e giustificare tutti i motivi per i quali ci potrebbero essere differenze con quello nuovo.

A proposito, quali saranno le differenze principali rispetto al modello attuale?
Innanzitutto dobbiamo decidere se mantenere la stessa scala cromatica oppure no, chi è abituato ai colori della mappa attuale si aspetta di vedere gli stessi nella nuova. La novità principale è che, a parità di sorgenti e sismicità, la pericolosità risulterà più elevata. I dati di registrazione dei terremoti vicini all’epicentro mostrano valori molto più alti rispetto a quelli che ci aspettavamo prima. Questo perché la rete di stazioni attuale è più fitta rispetto a quella di una volta. Per quasi tutti i terremoti che si registrano in Italia, ma anche nel resto del mondo, c’è una stazione che si trova sulla faglia. Per esempio, la scossa del 24 agosto 2016 – con epicentro tra Accumoli e Arquata del Tronto – ha fornito il valore di accelerazione più alto mai registrato in Italia. Il terremoto dell’Irpinia del 1980 era stato molto più forte, ma le stazioni presenti all’epoca erano poche e distanti e avevano registrato valori inferiori. È importante dire che la nuova mappa presenterà più aree ad alta pericolosità non perché in questi anni è aumentata la probabilità di avere terremoti forti di per sé, ma perché è migliorata la nostra conoscenza del fenomeno. I terremoti recenti, con osservazioni sempre più precise e vicine alla faglia, ci consentono di vedere cose che prima erano al di là della nostra portata.

Nel 2013 il consorzio internazionale SHARE (Seismic Hazard Harmonization in Europe) ha pubblicato la mappa di pericolosità sismica europea. Questo lavoro contiene un’anticipazione della nuova mappa nazionale?
Sì, l’INGV ha partecipato alla realizzazione della mappa europea per quanto riguarda i territori italiani, ma mi preme sottolineare un’altra cosa. Quando si guarda una mappa come quella attuale, si notano zone più scure e zone più chiare. Siamo abituati a ragionare in termini comparativi, vediamo il territorio dell’Aquila viola e istintivamente lo paragoniamo a quello di Trento, che è azzurro. Ma è tutto relativo. L’Aquila ha un livello di pericolosità molto più basso rispetto a quello di Istanbul. E questo si può notare solo grazie alla visione d’insieme fornita da una mappa come quella prodotta da SHARE.

Commenti dei lettori


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    X