Il ‘68, un appuntamento mancato

Nel suo 50° anniversario, il ’68 è stato per l’ennesima volta sezionato e analizzato al microscopio della cronaca in ogni sua forma ed espressione. Rimane però sostanzialmente inevasa una domanda: perché nel nostro paese il movimento ha perso l’occasione per interrogarsi sui legami tra modello di sviluppo e risorse naturali? Perché ha mancato l’appuntamento con una questione epocale come quella ecologica?
Fabio Mariottini, 27 Dicembre 2018
Micron
Micron
Direttore responsabile rivista micron

Le commemorazioni mi lasciano sempre perplesso. Stiracchiate dalle contingenze, spesso sono solo occasioni mancate per ri­leggere la storia attraverso una critica fon­data e rigorosa. Quest’anno, poi, per i cin­quant’anni del ’68 si è largheggiato: libri, dibattiti, congetture. Quel movimento è stato sezionato e analizzato al microscopio della cronaca in ogni sua forma ed espres­sione. Origine del riscatto sociale di questo paese o responsabile di tutti i mali che lo affliggono? Risposte attendibili non ne sono venute fuori e se quegli anni continuano a essere letti con gli occhiali dell’attualità, forse, non ce ne saranno nemmeno tra dieci anni.

Ma così va il mondo. E mentre il genetlia­co del ’68 “se ne sta lentamente per finire”, come una domenica di settembre di gucci­niana memoria, rimane ancora una volta il quesito sul perché quel movimento globale e pervasivo, nel nostro paese abbia perso l’occasione per interrogarsi sui legami tra modello di sviluppo e risorse naturali. La questione ecologica, infatti, fu liquidata anche dai protagonisti più accorti e in­telligenti come un problema “per ricchi annoiati” o, nel migliore dei casi, come una violenza perpetrata sulla natura da un sistema sociale ed economico impron­tato esclusivamente sullo sfruttamento dell’individuo e delle risorse, come lo ha definito Dario Paccino ne L’imbroglio eco­logico.

Eppure, nella comunità scientifica del mondo anglosassone esisteva già dagli anni ’60 (il libro La primavera silenziosa di Rachel Carson fu pubblicato nel 1962) una radicata percezione che ci fosse qual­cosa che non andava nel nostro modo di crescere e di svilupparsi. E che forse non tutto era riconducibile al conflitto di clas­se o alla dicotomia tra socialismo e cultura liberale. In Italia, invece, a fronte di una forte spinta “industrialista” sulla quale convergevano gli interessi sia della classe operaia, sia degli imprenditori, la parte che esulava dal Pil preoccupava solo quando riguardava la salute dei lavoratori all’in­terno della fabbrica, intento meritorio, ma riduttivo. La difesa del territorio era invece “appaltata” a una borghesia illuminata che tendeva a limitare la questione ambientale alla pianificazione urbanistica e alla difesa del paesaggio dalla speculazione edilizia. I disastri idrogeologici dei giorni passati hanno dimostrato quanto quegli sforzi alla fine siano stati vani. Oggi è evidente come questa parziale rappresentazione dell’am­biente non fosse sufficiente per esaurire la complessità della questione ecologica. In questo contesto di uso e abuso della natura trovava ampio spazio la maggioranza della popolazione che vedeva nella crescita economica indiscriminata l’unica occasione di riscatto dalla povertà che ancora afflig­geva una larga parte del paese. E le risorse naturali erano evidentemente il carburante unico per lo sviluppo di questo modello di società.

A uscire fuori da questo senso comune ge­neralizzato fu Aurelio Peccei, economista e dirigente industriale di vaglia, che nel 1968 fondò il Club di Roma. L’intuizione, avve­niristica per il tempo, fu quella di mettere insieme un panel di scienziati, imprendito­ri, politici di tutto il mondo per analizzare le problematiche del pianeta alla luce del rapporto tra risorse naturali e crescita economica. In pratica un’analisi ecosistemica del nostro modello di sviluppo.

Questo gruppo di intellettuali appena qualche anno dopo avrebbe commissio­nato al Mit (Massachusetts Institute of Technology) uno studio sul rapporto tra accumulazione della ricchezza e consumo delle risorse che uscì nel 1972 con il titolo The limits to growth, in cui si dimostrava ampiamente che il nostro pianeta era “fi­nito” e una pressione eccessiva sull’ecosistema avrebbe potuto mettere a rischio il futuro della nostra civiltà. Iniziarono così a farsi strada la coscienza del limite e i pun­ti critici del nostro sistema di crescita.

Ma la parte più originale della riflessione del Club di Roma fu quella di assumere come parametro fondamentale il divario socio-economico tra Nord e Sud del mondo come ragione prima del disequilibrio planetario. Una teoria che nel lungo termine sarebbe diventata patrimonio condiviso a livello collettivo ed elemento fondante del­la cultura ambientalista.

Ed è qui che il movimento del ’68 mancò quell’appuntamento epocale che probabil­mente avrebbe modificato in maniera defi­nitiva lo sviluppo economico di questo pa­ese. Quegli anni di grande trasformazione, di intelligenza, di curiosità, di ribellione potevano rappresentare il punto di incon­tro e di relazione tra ecosistemi e sistemi economico-sociali e rendere compatibile limite e progresso. Purtroppo quella lunga stagione fu inghiottita quasi interamente dalla politique politicienne e per passare alla connessione tra ecologia ed economia ci sarebbero voluti ancora molti anni e una lunga teoria di guasti e sciagure di cui stia­mo ancora stimando i danni.

Commenti dei lettori


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    X