Per una comunità scientifica di massa

Torna la nostra rubrica 'Ritorno al futuro', dedicata questa volta al rapporto che intercorre tra modello di sviluppo e vincoli ambientale ed energetico. Siamo di fronte a una tematica caratterizzata da un'estrema complessità e che, per essere trasformata e governata realmente, richiede un grado elevato di conoscenza ed informazione.
Walter Ganapini, 08 Ottobre 2018
Micron
Micron
Ambientalista

Tratto da Entropia e potere: atti del Convegno Le lotte ambientali tra movimento e rapporti di produzione, Firenze, 12 aprile 1981

È importante avviare un confronto e un ripensamento profondo, nella sinistra, sul rapporto che intercorre tra modello di sviluppo e vincoli ambientale ed energetico. A proposito di tale tematica, siamo in presenza, a mio avviso, di una palese subalternità, culturale e politica.

Questa subalternità si evidenzia a due livelli:
1) non si è giunti, in questi anni, a elaborare un progetto di rinnovamento tendente a trovare una nuova compatibilità tra problemi dello sviluppo e razionale utilizzazione delle risorse ambientali ed energetiche. Oltre a ciò non sono stati compiuti passi avanti significativi nella individuazione e nella costruzione di un rapporto con i soggetti sociali interessati a tale ipotesi di trasformazione;
2) a livello istituzionale decentrato, è stato possibile verificare la persistente incapacità di gestire effettivamente una ipotesi di governo, in termini di uso razionale e programmato del territorio e delle risorse, in campo ambientale ed energetico. Al proposito l’esperienza emiliana può essere illuminante: nel gennaio ‘80 la Giunta regionale approvò un proprio programma energetico ed il conseguente piano operativo, tendente a qualificare il governo dello sviluppo economico e territoriale inserendo la variabile “energia” all’interno degli strumenti di pianificazione.

Si può affermare che, a quel momento, l’elaborazione emiliana pareva la più avanzata, in campo regionale, offrendo un quadro di riferimento a tutte le iniziative già avviate spontaneamente ed uno stimolo per un vero e proprio salto di qualità operativo (rapporto non subalterno con gli Enti di Stato e le organizzazioni imprenditoriali, creazione delle Consulte energetiche provinciali, sviluppo del ruolo delle Aziende municipalizzate, sviluppo di programmi finalizzati con le Università ed i centri di ricerca, ecc.).
Oltre a ciò, si tendeva anche a sollecitare un forte sviluppo quantitativo e qualitativo dell’iniziativa sindacale (formulazione delle schede energetiche di fabbrica, ecc.) e nel campo dell’informazione e del controllo democratico sulle scelte di sviluppo.
Questo programma è caduto di fronte alla incapacità, ed alla non volontà politica, di attrezzare adeguatamente la Regione di un apparato tecnico realmente all’altezza dei problemi che si ponevano, mentre nel campo imprenditoriale si sta progredendo rapidamente nel formulare ipotesi di razionalizzazione ambientale ed energetica del modello di sviluppo, ben ai di là dell’attuale ondata neoliberista; razionalizzazione dell’esistente, quindi, e non processo di trasformazione. Ci si deve misurare con le acquisizioni di tali scuole, nel cammino verso la costruzione di una nuova cultura dello sviluppo, obiettivo, a mio parere, assolutamente prioritario.
È oggi possibile costruire un insieme organico di obiettivi e metodologie che prefigurino una nuova politica energetica. Il nodo rimane: “su quali gambe può marciare questo insieme di proposte?”.
Siamo di fronte ad una tematica caratterizzata da un’estrema complessità e che, per essere trasformata e governata realmente, richiede un grado elevato di conoscenza ed informazione. È necessario, perciò, che la nuova cultura dello sviluppo, già nel suo farsi, divenga patrimonio di grandi masse (la “comunità scientifica di massa”).
A questo fine è essenziale, a mio avviso, che si vada a costruire un rapporto dialettico, e non di delega, tra movimento operaio e operatori tecnico-scientifici, portatori di fatto di un sapere che, per quanto parcellizzato, rappresenta uno degli strumenti fondamentali per controllare e decidere in materia di modelli di sviluppo. Tale rapporto non potrà non passare anche attraverso una radicale messa in discussione di quel sapere, del suo modo di formarsi, strutturarsi ed essere fruito. Il terreno di aggregazione tra classe operaia e ceti di operatori tecnico-scientifici può essere rappresentato dall’insieme di obiettivi di politica energetica prima indicato come di possibile e rapida elaborazione. Attraverso la lotta per conseguire quegli obiettivi si può anche, di fatto, incidere sulla realtà, attaccare i momenti dello spreco, a partire dal mondo della ricerca, procedere nella verifica dei risultati e nella elaborazione di nuovi scenari. Tale impostazione non può non essere sottesa da una precisa valutazione degli aspetti internazionali del problema ambiente-energia (utile al proposito una riflessione sul “Rapporto Brandt”).
Da tale movimento verranno inoltre precise indicazioni per un ruolo attivo dell’Italia nelle politiche di cooperazione internazionale (tecnologie appropriate, modelli di programmazione democratica in aree di sottosviluppo, formazione e assistenza tecnica per i Paesi detentori di materie prime, ecc.).

Commenti dei lettori


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    X