A cena con Einstein & co.

Micron
Gabriella Greison prende per mano il lettore accompagnandolo al tavolo di una delle cene più avvincenti del ‘900: i grandi nomi della Fisica si ritrovano per discutere delle teorie che andranno a cambiare il mondo della scienza e il nostro modo di pensare, in un congresso destinato ad entrare nella storia del pensiero scientifico.
Salvatore Marazzita, 17 Febbraio 2017
Titolo

L’incredibile cena dei fisici quantistici

Autore

Gabriella Greison

Anno pubblicazione

2016

Editore

Salani Editore

Info

pp. 272; euro 15,90

Micron
Filosofia della Scienza

Immaginiamo di trovarci in un salone sfarzoso a Bruxelles nei primi anni del ‘900, precisamente nel 1927, a conclusione del V Congresso Solvey dal tema “Elettroni e fotoni”. In una sala della Tavern Royal, argenti, luci, fiori e porcellane raffinatissime attendono con ansia di accogliere le menti eccelse della fisica moderna.
Einstein, Bohr, Heisenberg, Pauli, Schrödingersolo per ricordare alcuni tra i ventinove scienziati che dalle 19.30 del 24 ottobre di quello speciale anno avrebbero riempito la sala con parole, pensieri e scontri verbali sulle teorie fisiche che avrebberofatto la storiadella disciplina e modificato in gran parte il modo di concepire e capire il mondo. Ospite speciale della serata la scrittrice, fisica e giornalista Gabriella Greison, che con una magia letteraria mescola storia e fantasia per portare al lettore il resoconto di quella che sarebbe stata una delle cene più brillanti di inizio secolo.
Proiettarsi nel passato e immaginare di sedere allo stesso tavolo con le eccellenze della fisica moderna rispecchia ciò che simbolicamente si fa quando si studia storia del pensiero: dialogare virtualmente con gli autori e metterli a confronto, farli parlare e ascoltare ciò che immaginiamo possano aver detto e pensato in base alle loro produzioni scientifiche. I maestri della scienza moderna diventano protagonisti della narrazione e si fanno essi stessi narratori della loro esperienza di vita e di scienza. Possiamo sentire parlare Einstein ad esempio e coglierlo in atteggiamenti naturali, ai quali certo non siamo abituati.
Il lettore si ritrova, tra una portata e l’altra, a disquisire di atomi, relatività, decadimento e fisica teorica. Come imposto dalle regole del galateo, durante una cena è bene anche affrontare argomenti leggeri, aneddoti e curiosità: si ha allora l’occasione di assaporare le vicissitudini della vita delle grandi menti del ‘900 con la precisione narrativa che deriva da un’attenta lettura delle loro biografie da parte dell’autrice.
Questo incontro immaginario è la possibilità irripetibile di entrare nei rapporti, anche personali, che questi fisici hanno intessuto nel corso delle loro vite, a dimostrazione del fatto che la scienza è fatta da persone che si scambiano idee e pensieri, da scontri intellettuali che spesso portano, come in questo caso, alla nascita di una grande teoria: quella della fisica quantistica.
Questa teoria è alla base della nostra conoscenza del mondo di oggi. Le tecnologie che utilizziamo quotidianamente, ma anche i laser, i microscopi, la risonanza magnetica, derivano teoricamente dal quel modello matematico rigoroso e accurato, in grado di descrivere la natura in maniera precisa, che chiamiamo ‘teoria dei quanti’. È un modello che si presta a diverse interpretazioni e il dibattito è ancora attivo a livello internazionale. Si corre il rischio, ricorda l’autrice, di giungere alla conclusione di Niels Bohr: «se ti sembra di aver capito la fisica quantistica, allora non hai capito nulla».
È interessante percorrere in maniera nuova la nascita di una teoria che spaventa, destabilizza le conoscenze e instilla il dubbio. La complessità intrinseca degli argomenti diventa con questo libro più digeribile per tutti, ma allo stesso tempo si nota la cautela di chi non intende cadere nell’imprecisione scientifica. Questioni teoriche spesso appannaggio dei soli addetti ai lavori diventano alla portata di ogni avventore, che viene accompagnato al centro della scienza moderna con la leggerezza che solo un buon romanzo può offrire.
Un libro divulgativo per eccellenza, che punta ad affascinare anche il lettore appassionato di romanzi classici.

Commenti dei lettori


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    X