Listeriosi: in Europa aumentano i casi fra anziani e donne

L'EFSA ha pubblicato in questi giorni i risultati di una consultazione pubblica sulla prevalenza dei casi di listeriosi nel periodo 2008-2015. La maggior parte delle persone viene infettata tramite il consumo di cibi pronti come pesce affumicato e stagionato, carne sottoposta a trattamento termico e formaggi molli e semi-molli. Ma una minaccia viene anche le insalate pronte, che possono causare infezioni.
Cristina Da Rold, 21 Febbraio 2018
Micron
Micron
Giornalista scientifica

In questi giorni l’EFSA (Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare) ha pubblicato i risultati di una consultazione pubblica sulla prevalenza dei casi di listeriosi – zoonosi dovuta alla contaminazione da Listeria monocytogenes – nel periodo 2008-2015. I casi in Europa sono aumentati all’interno di due gruppi di popolazione: anziani con più di 75 anni e donne fra i 25 e i 44 anni. I motivi? Certamente un ruolo cruciale lo gioca il fatto di non seguire le corrette misure igieniche nella preparazione dei cibi, per esempio refrigerare gli alimenti a temperature inferiori ai 5 °C. EFSA stima che un terzo dei casi di listeriosi siano dovuti proprio alla crescita di Listeria monocytogenes negli alimenti preparati e conservati a casa in frigorifero.
La maggior parte delle persone viene infettata tramite il consumo di cibi pronti come pesce affumicato e stagionato, carne sottoposta a trattamento termico e formaggi molli e semi-molli. Ma una minaccia viene anche le insalate pronte, che possono causare infezioni.

Nonostante un aumento dei casi di listeriosi confermati nel periodo 2008-2015, in Unione Europea abbiamo registrato meno di 2.300 casi all’anno. Il tasso di incidenza più elevato è stato osservato nel gruppo di età degli over 75 nel 2015 con, rispettivamente, 2,20 casi al mese per milione di persone per gli uomini e 1,30 casi al mese per milione fra le donne. I risultati mostrano che le pratiche di conservazione del cibo non corrette – tempo di conservazione troppo prolungato e temperature troppo elevate – non sono rare fra i più anziani (oltre il 10% delle persone studiate). Va detto poi che la temperatura dei frigoriferi domestici è molto variabile, come dimostrato da una revisione di 23 studi di indagine disponibili dal 1991 al 2016. Le temperature medie, minime e massime variano rispettivamente da <5 a 8 °C, da 7,9 a 3,8 °C e da 11,4 a 20,7 °C.
Per le donne, il tasso di incidenza di listeriosi invasiva umana confermata è aumentato significativamente fra le 25-44enni e tra le donne con più di 75 anni, con un aumento mensile stimato rispettivamente dello 0,64% e dello 0,70%. Per le altre fasce di età, donne 45-64enni e le 65-74enni, l’aumento di incidenza nel periodo 2008-2015 risulta meno pronunciato, con un aumento mensile stimato rispettivamente allo 0,43% e allo 0,30%.
Per gli uomini, invece, i casi di listeriosi sono aumentati significativamente fra gli over 75 con un aumento mensile stimato allo 0,50%. Nel 2015, in particolare, l’incidenza di listeriosi invasiva era più alta per i maschi che per le donne di età superiore ai 45 anni, mentre è vero il contrario per le fasce di età 15-24 e 25-44 di sesso femminile che si ritiene riflettono in larga misura la presenza di listeriosi correlata alla gravidanza.

Commenti dei lettori


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    X